Sei Qui » Home » Trekking naturalistico-archeologico» La traversata del Supramonte - Orgosolo - Provincia di Nuoro

La traversata del Supramonte

  • Sei giorni di escursioni attraverso l’affascinante e selvatico massiccio del Supramonte dal monte attraverso antiche leccete fra verticali pareti rocciose e canyons calcarei fino al mare con le sue splendide alte scogliere e fantastiche cale di sabbia bianca.
  • Pernottamenti in tenda, tradizionali ovili dei pastori e albergo.
  • Trasporto dei bagagli giornaliero (quando possibile).
  • Ottima cucina tipica sarda.

Primavera e autunno, quando il clima ha temperature più accettabili, sono i migliori periodi per camminare in Supramonte. Il Supramonte è un massiccio calcareo molto simile a quello Dolomitico. Nel percorrerlo si comprende la sua natura selvaggia e poco contaminata dalla presenza dell’uomo. L’itinerario si snoda fra doline, aspre cime rocciose, profonde gole, forre, grotte e anfratti fino ad affacciarsi al mare sul Golfo di Orosei, dove il bosco incontra il mare. Non mancano le testimonianze della presenza del popolo dei Nuraghe fino alle, più recenti, capanne dei pastori.
Lungo il percorso, inoltre, si incontrano diverse specie vegetali endemiche della Sardegna che hanno dovuto adattarsi ad un ambiente molto ingrato. Una sensazione particolare si ha quando si attraversa la foresta primaria di Sar Baddes che ci fa capire con la sua antica e maestosa bellezza quanto piccoli siamo noi semplici passanti…
Con un po’ di fortuna è anche possibile incontrare qualche muflone ma di sicuro potremo ammirare il volo dell’aquila che dall’alto controlla il suo territorio.


1.giorno: Transfert dall’aeroporto/porto di Olbia ad Orgosolo

Se nel pomeriggio rimanesse tempo a disposizione lo dedicheremo, dopo aver lasciato i bagagli, alla visita del paese/museo di Orgosolo con i suoi oltre 200 “murales” che rappresentano momenti di storia e di vita non solo sarda.

Quindi ritorneremo al nostro rifugio per gustare una tipica cena sarda. Approfitteremo della cena per dedicare qualche minuto alla descrizione, alla preparazione e alla logistica dell’intero tour.
Il pernottamento sarà in camere con più letti (anche a castello) e bagno.

 

2.giorno: Scala de S´Arenargiu – Cuile Sar Baddes

Colazione. Prima di partire prepareremo i nostri bagagli che andranno alla tappa successiva e noi potremo così camminare con, nello zaino, il necessario per la sola giornata.

Trasferimento su Land Rover per Punta Solitta (Scala de S´Arenargiu) Da dove comincia la nostra camminata ad una quota di circa 900m. slm. e prosegue allincirca alla stessa quota. Procedendo verso Est si arriverà alla dolina di “Su Suercone” che con i suoi 500 m. di diametro e 200m di profondità ci sbalordirà in tutta la sua impressionante maestosità (secondo la disponibilità del gruppo è possibile scendere all’interno).

Quindi dopo una giusta pausa ci dirigeremo al vicino “Campu Donianigoro”, un grande pianoro nascosto dalla roccia calcarea che lo circonda dove è possibile vedere i mufloni. Ancora circa due ore sono necessarie per arrivare all’ovile di „Sar Baddes“,dove troveremo gli amici di Orgosolo con i bagagli e monteremo il nostro primo campo. Quindi potremmo dedicarci a gustare una buona cena sarda.

Tempo a piedi: circa 5 ½ ore
Dislivelli massimi, 250m. in discesa, circa.
450m.circa in discesa.

 

3.giorno: Cuile sar Baddes – Cuile Sedda Arbaccas

In questa giornata ci dirigeremo dal cosiddetto Supramonte di Orgosolo a quello di Urzulei. Cominceremo attraversando la foresta primaria di Sar Baddes fino ad arrivare ai nuraghi di “Mereu” e di “Gorropu”, due interessanti testimonianze della cultura Nuragica.

Da questi si potrà ammirare una bellissima panoramica dell’intera gola di Gorropu e del rio Flumineddu. Quindi si scenderà fino all’ingresso delle gole “Sa Giuntura” chiamato anche “Le Pieghe” perché è una chiara e ben visibile testimonianza delle deformazioni che la roccia calcarea ha dovuto subire durante la formazione di questi monti. In primavera è possibile anche fare un piacevole bagno nel fiume.

Quindi si risalirà sul versante opposto su una dorsale a “schiena d’asino” fino all’Ovile di Sedda Arbaccas. Dove ci verranno portati i nostri bagagli e monteremo il campo per trascorrere la seconda notte.
Essendo nel cuore del Supramonte ed in zone poco frequentate, con un po’ di fortuna, è possibile, soprattutto nelle prime due giornate, incontrare anche il Muflone che di questi luoghi è signore e padrone.

Tempo a piedi: circa 5 ½ ore. Dislivelli massimi: 600m. circa in salita, 500m. circa in discesa.
Pernottamento in tenda.

 

4.giorno: Cuile Sedda Arbaccas - Passo Genna Cruxi

Dopo la colazione ci avvieremo verso la cresta di „Costa Silana” passando da una delle due estremità che sovrastano la Gola di Gorropu, Punta Cucuttos 880m. da dove se ne potrà ammirare una panoramica da 400m. sopra l’ingresso. Lungo il percorso potremo vedere chiaramente il canalone del Flumineddu, attraversato il giorno prima, che serpeggia con le sue pareti strapiombanti fino alla Gola.

Quindi seguendo la linea di cresta in un continuo saliscendi arriveremo fino a Punta su Nercone a 1236 m. da dove si potrà ammirare una bellissima panoramica sull’intero Supramonte.

Quindi si ritorna indietro per 40 minuti fino al punto dove è possibile scendere verso Passo Silana. Cruxi, da dove faremo un breve trasferimento all’Ovile dell’amico Giampietro dove troveremo i nostri bagagli e saremo alloggiati in camere con bagno e più letti e avremo la possibilità di farci una doccia. Cena e pernottamento.

Tempo a piedi: circa 5 ½ ore.
Dislivelli massimi: 550m. circa in salita, 500m. circa in discesa.
Pernottamento in ovile (camere con più letti).

 

5.giorno: Bacu Erettili – Cala Sisine

Dopo colazione, dopo aver preparato il nostro bagaglio, partiremo direttamente dall’ovile a 1000m. prima in piano per poi cominciare la nostra discesa fino a Cala Sisine al mare. Per questa giornata dovremo caricarci anche il necessario per una notte (sacco a pelo e tendina/sacco da bivacco << oppure è possibile dormire sotto una tettoia>>).

Si segue il canalone di Baccu Erittili poi di Bacu Urutzò (E’ anche possibile scendere su un altro percorso chiamato “Su Camminu Longu” molto più panoramico ma con passeggini esposti. Da decidere insieme!) Seguendo quello che rimane delle mulattiere dei carbonai del 800 ci avvicineremo, fra gole profonde e ripide pareti dalle forme più bizzarre, al mare alla nostra meta di oggi; Cala Sisine.

Anche qui troveremo gli amici di Baunei che ci organizzeranno la cena a base di mare.

Tempo a piedi: circa 5/6 ore.
Dislivelli massimi: 50m. circa in salita, 1000m. circa in discesa.
Pernottamento in tenda o in spiaggia col solo sacco a pelo (a seconda del periodo è possibile dormire in un camerine con più letti al costo di 10,00-€/pax).

 

6.giorno: Cala Sisine – Cala Gonne

Dopo colazione ci avvieremo su una ripida salita che ci porterà rapidamente in quota partendo direttamente dalla spiaggia. Si salirà fino all’Ovile Saccederano a 600m. ca. per poi ridiscendere fino a Cala Luna (4,5 ore).

Se il tempo è favorevole si potrà fare il bagno e passare due ore al mare. Quindi intorno alle 16,30 si salirà su un barcone per essere trasportati a Cala Gonone al costo di 10,00/12-€/pax. Se il mare fosse brutto sarà possibile arrivare a Cala Gonone a piedi camminando per altre due ore circa fino all’albergo.

Tempo a piedi: circa 4 ½ ore.
Dislivelli massimi: 750m. circa in salita, 750m. circa in discesa. Pernottamento in Hotel***.

 

7.giorno : Cala Gonone Cartoe

Dopo colazione ci avvieremo direttamente dall’albergo in lieve salita seguendo il profilo costiero su un percorso che ci offre panorami sull’intero Golfo di Orosei a una quota variabile intorno ai 200m.

Fino a ridiscendere alla piccola e graziosa Cala Cartoe dove faremo la nostra pausa pranzo e, se il clima ce lo concede, un piacevole bagno rinfrescante.

Quindi verremo recuperati con un minibus per trasferirci a Dorgali e dedicare due ore circa per fare shopping.
Rientro in Hotel, cena e pernottamento.

Tempo a piedi: circa 3/4 ore.
Dislivelli massimi: 150m. circa in salita, 250m. circa in discesa. Pernottamento in albergo***.

8.giorno : Transfer all’aeroporto/porto di Olbia.

Le giornate prevedono camminate di 4/6 ore (senza contare le pause).
La difficoltà del trekking non è alta ma i sentieri che si percorrono non essendo battuti hanno un fondo non regolare e sassoso quindi influiscono molto sulla difficoltà nel camminare e rendono il procedere faticoso nonostante le brevità dei tempi di percorrenza. 

Prezzo : 780,00 Euro per Persona  (min. 8 partecipanti max 16 ).

Supplemento singola: (Solo in Hotel) 40,00-€/pax

Nel prezzo è incluso:

  • 8 giorni guida
  • trasferimenti (come da programma)
  • trasporto dei bagagli ad ogni pernottamento eccetto la penultima notte (come da programma)
  •  2 notti in Hotel*** in Camera doppia, 2 pernottamenti in camere con più letti con possibilità di doccia, 3 notti all’aperto (A Cala Sisine c’è la doccia)
  • mezza pensione + 4 pranzi al sacco (solo quando non è possibile poterlo acquistare)
  • tende Ferrino a uno o due posti.

Nel prezzo non è incluso:

  • bevande extra (in Hotel e durante le escursioni)
  • eventuale pernottamento a Cala Sisine
  • viaggio in barcone
  • eventuali extra

Varie: Ogni giorno dobbiamo preparare il nostro bagaglio che verrà portato alla tappa successiva, solo per la penultima notte a Cala Sisine il bagaglio verrà portato direttamente all’ultima tappa all’Hotel L’Oasi di Cala Gonone, dovremo quindi trasportare il sacco a pelo con materassino. La Keya mette a disposizione per le notti all’aperto delle tende della Ferrino che pesano minimo 2,4 Kg, che saranno disponibili, volendo, anche per essere trasportate a Cala Sisine. Ogni partecipante avrà in compito di montare e smontare la propria tenda. Al ristorante di Cala Sisine per chi non volesse trasportare la tenda sarà possibile dormire anche sotto un’ampia tettoia che ripara dall’umidità o, previo pagamento extra, in un camerine con letti a castello. Si consiglia, in ogni caso, di portare un sacco da bivacco (leggero e non fa penetrare l’umidità).

Condizione fisica: media condizione ma piede ben fermo.
Da Portare: Scarponi da Trekking, Valigia/Zaino (bagaglio al seguito), Zaino (45 l), bottiglia per l’acqua (E’ sempre meglio averne c.a. 2 litri/gg), Sacco a pelo, Lampada frontale, attrezzatura per la pioggia, materassino, protezioni per il sole.

Consigli: Si consiglia di attrezzarsi di abbigliamento in pile e/o microfibre (perché sono caldi) utilizzati a strati; e anche se si bagnano si asciugano velocemente.

Date: Primavera, Dal 01/ 04 al 30/ 05.
Date: Autunno, Dal 15/ 09 al 30/ 10

Espanol
English
Deutsch
Francais

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player